La costruzione del nuovo tempio

I frati dell’ordine dei Predicatori, comunemente conosciuti in Inghilterra come frati neri per il mantello nero indossato sopra la veste bianca, giunsero a Istanbul (Costantinopoli) nella prima metà del XIII secolo e si stabilirono a Galata, dove costruirono la chiesa di San Paolo.

Nel corso della storia, la chiesa è stata distrutta e ricostruita 6 volte prima di avere quella che abbiamo oggi.

Nel 1475, infatti, la chiesa fu trasformata in una moschea (l’Arap Camii) e i Frati Neri furono costretti a cercare un altro sito per costruire la loro chiesa.

I frati si ritirarono quindi in un altro edificio che sorgeva qualche centinaio di metri oltre il precedente. Questa nuova chiesa fu dedicata a San Pietro!

 

Un po’ di storia…

 

Pietro era il più intimo amico e discepolo di Gesù e divenne apostolo durante il suo ministero. Dopo la morte di Gesù, Pietro divenne il leader degli apostoli e nei Vangeli viene spesso descritto come il loro portavoce. È considerato uno dei pilastri della Chiesa primitiva. Dopo la crocifissione e la risurrezione di Cristo, Pietro iniziò a predicare la propria versione degli insegnamenti di Cristo a tutti coloro che riusciva a trovare. Cominciò ad assumere la posizione di leader e raccolse un gruppo di seguaci. Per questo fu considerato il primo Papa di Roma.

 

 

Durante il regno dell’imperatore Nerone, a Roma si scatenò un incendio di vaste proporzioni, per il quale egli incolpò i cristiani. Questo portò alla crocifissione di San Pietro. Egli chiese di essere crocifisso con la testa rivolta verso il basso perché non si riteneva abbastanza degno di morire come Gesù.

 

Questa nuova chiesa dedicata a San Pietro rimase in funzione fino al 1603, quando si decise di costruirne una più funzionale. Tuttavia, pochi anni dopo, il primo aprile 1660, un grave incendio la distrusse. Nel 1731, la stessa sorte toccò alla costruzione che le succedette.

        Tuttavia, i Frati Neri non si scoraggiarono e decisero di costruirne una quinta.

Poi, nel 1841, visti i problemi precedenti, i Frati Neri demolirono questa per costruire una chiesa più grande, più sicura e più bella. A questo scopo consultarono il famoso architetto Gaspare Fossati (che restaurò anche Santa Sofia) e nel 1843 fu finalmente possibile costruire il nuovo tempio dedicato a San Pietro e San Paolo, tuttora esistente.

Vista interna della chiesa

 

        Pio IX promosse la diffusione della pittura sacra romana in Medio Oriente e oltre, talvolta inviando egli stesso dipinti in dono alle diocesi. I suoi doni a Istanbul risalgono al 1862: due opere di Vincenzo Morani, una per la chiesa dell’Assunzione a Moda-Kadikoy e una per S. Gregorio, una chiesa armeno-cattolica. La pala d’altare della chiesa di Sen Piyer è del domenicano Serafino Guidotti e giunse nel 1855, per questo motivo può ancora essere considerata parte di questa politica pontificia di diffusione dell’arte sacra.

        Concepita secondo i canoni dello stile neoclassico, su pianta rettangolare, la chiesa misura 35 metri ed è alta 14 metri.

Il muro posteriore dietro l’altare maggiore è costruito nei resti dei bastioni genovesi di Galata!

Secondo la legge, all’epoca era IMPOSSIBILE costruire una facciata sulla strada. Per questo motivo, vi è un solo ingresso circondato da una semplice cornice di marmo e sormontato da un timpano e da un “oculus”.

 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.